SERVIZIO SOCIALE E CALAMITÀ NATURALI

Interventi di Servizio Sociale


Che cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di fare tentativi?
Vincent Van Gogh


Presentazione

Il volume "Servizio sociale e calamità naturali - Interventi di Servizio sociale" è il frutto del progetto formativo e informativo ‒ promosso dal Coordinamento degli Ordini Regionali degli Assistenti Sociali del Nord Italia ‒ volto a far emergere contenuti e metodi del servizio sociale dalle esperienze di assistenti sociali impegnati nel soccorso in situazioni di calamità.  Lo scopo è di contribuire a costruire una competenza e una formazione specifica che definisca ruolo ed apporto del servizio sociale in tale ambito professionale. Il volume, che in questo sito proponiamo nella versione digitale, raccoglie testimonianze e riflessioni sul valore della professione e sugli strumenti del servizio sociale in contesti di calamità naturali, attraverso i contributi di alcuni attori impegnati in prima persona e l’illustrazione dei primi esiti di una ricerca di tipo qualitativo che ha coinvolto 50 assistenti sociali nelle regioni Emilia Romagna, Liguria e Veneto. Dal volume emerge complessivamente come ‒ nonostante si tratti di un ambito relativamente nuovo per la professione ‒ il Servizio sociale si collochi con appropriatezza come una delle discipline deputate a svolgere un ruolo attivo e strategico nel sistema della Protezione civile, tanto quanto va impiegato nella protezione quotidiana della vita delle persone nei territori.


Il comitato scientifico che ha curato il progetto è composto da Anna Zannoni (Veneto), Elena Giuliano (Piemonte), Maria Deidda (Liguria), Michela De Santi (Trentino Alto Adige), Renata Ghisalberti (Lombardia) e Roberto Calbucci, Stefania Pelosio e Anna Fiorentini (Emilia Romagna), ed è stato coordinato da Maria Deidda.

L'EISS per il Servizio Sociale
Giuseppe Rizzo, Presidente EISS

La Fondazione Ente Italiano di Servizio Sociale EISS onlus - costituita nel 1964,  riconosciuta con il DPR n.769 secondo l'articolo 3 dello Statuto realizza studi,  ricerche e gestisce servizi sociali aperti a tutti. Lo ha fatto con grande impegno e riconosciuta competenza per oltre 50 anni. Tra i tanti servizi significativi quelli realizzati, per la prima volta in Italia, con i Centri di Servizio sociale per lavoratori e famiglie in mobilità. Sia nelle migrazioni interne dal sud verso il nord Italia sia nell'emigrazione verso paesi europei. La presenza dell'EISS e di quei Centri, attiva non solo nelle regioni del sud ma anche nel nord ha consentito all'EISS, ai suoi Uffici e quadri centrali, ma anche a centinaia di propri assistenti sociali, di maturare significative esperienze in tutti quei territori. Una attiva presenza che si è rivelata molto importante per dare concrete risposte a problemi diversi da quelli riguardanti l'ordinaria vita di quelle comunità locali. Come appunto le diverse e spesso catastrofiche calamità naturali. Eccezionale si è rilevata ad esempio la sua presenza in occasione del terremoto del Belice del 15 gennaio del 1968 che devastò una vasta area della Sicilia occidentale e diversi Comuni delle Province di Trapani Agrigento e Palermo. Allora il servizio sociale e gli assistenti sociali dell'EISS furono presenti sin dai primi giorni nei diversi Comuni devastati dal sisma. In casette prefabbricate, giunte in dono dalla Caritas Elvetica, che oltre ad essere la propria sede ospitavano sindaco e giunta, parroco e chiesa. Allora servizio sociale e assistenti sociali furono tra i primi veri protagonisti degli aiuti a quelle popolazioni, senza casa e in precarie tendopoli, con una azione sociale rivolta a dare assistenza ma anche aiuto per la piena ripresa della vita economica e sociale di quelle popolazioni. Altri eventi hanno visto presente servizio sociale e assistenti sociali dell'EISS come, ad esempio, in occasione del terremoto in Friuli Venezia Giulia, ma quel che conta è rilevare l'innegabile ruolo che in circostanze calamitose hanno visto una positiva presenza del servizio sociale. Anche per questo l'EISS ha accolto con grande disponibilità la proposta del Coordinamento degli Ordini Regionali degli Assistenti Sociali del Nord Italia, di collaborare alla messa a punto ed alla pubblicazione, nella propria collana “Problemi sociali del nostro tempo”, delle importanti esperienze maturate dal servizio sociale e dagli assistenti sociali in occasione di calamità naturali verificatesi in quelle regioni. Collaborazione che è stata positivamente sostenuta ed animata dall'aiuto degli assistenti sociali della redazione di “Rassegna di Servizio Sociale” e dal lavoro della sua Segretaria Franca Monteverde il cui contributo ha assicurato anche la messa a punto e la pubblicazione del volume e di questo sito. Infine sento il dovere di rivolgere un vivo ringraziamento ai Presidenti ed ai Consigli regionali dell'Ordine ed a tutti gli autori dei testi che arricchiscono il volume.